Alimenti | Chemicontrol

LOGO.jpg

17 Gennaio 2020by sitodesign

Spett.le Azienda,

oggi per noi è un giorno speciale che vogliamo festeggiare e condividere con Voi.

Ricorrendo, nel 2020 ed in particolare nella data odierna del 17 gennaio, il 30° anno di vita ed attività della nostra Azienda, siamo felici di rivolgere un pensiero a tutti coloro che hanno contribuito alla sua crescita e preso parte alla sua storia.

Sono stati 30 anni di proficuo lavoro, di scelte e cambiamenti impegnativi affrontati insieme a Voi.

Vogliamo che questo anniversario sia solo uno dei traguardi del percorso intrapreso, convinti che ce ne saranno molti altri da raggiungere, con lo stesso entusiasmo e la stessa tenacia che ci hanno motivato fin dagli inizi.


Un ringraziamento speciale rivolgiamo a Voi che avete creduto in questa scelta e che ci avete resi partecipi del Vostro successo.

Un grazie anche ai nostri partner, ai nostri dipendenti e a tutti coloro che hanno collaborato con noi.

Guardiamo con fiducia al futuro certi che vorrete ancora sostenerci con la promessa, da parte nostra, di continuare ad impegnarci per poter contribuire alla Vostra crescita.

Infiniti “grazie”,

La Direzione


03.-stabilimento-in-etichetta-1280x960.jpg

20 Aprile 2018by sitodesign

Il 5 aprile 2018 è entrato in vigore il Decreto (D.Lgs n° 145 del 15/09/2017) relativo all’obbligo di indicare sull’etichetta dei prodotti alimentari la sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, la sede dello stabilimento di confezionamento.

Tale obbligo riguarda solamente i prodotti alimentari realizzati in Italia e destinati al mercato italiano; in particolare l’obbligo interessa gli alimenti trasformati preimballati destinati al consumatore finale e l’indicazione può essere riportata  sull’etichetta o sul preimballaggio.

Vi sono delle esenzioni e riguardano alcune tipologie di prodotti come, ad esempio, vino, vino liquoroso, vino spumante.

Essendo ormai superato il periodo transitorio in cui era consentito lo smaltimento delle etichette già stampate senza l’informazione necessaria, allo stato attuale tali etichette sono considerate irregolari; l’omessa indicazione della sede dello stabilimento comporta l’applicazione di sanzioni amministrative.

Per ulteriori informazioni potete contattarci ai seguenti recapiti: tel. 0734.628987 fax 0734 628944    microbiologia@chemicontrol.it


alimenti-1280x913.jpg

21 Febbraio 2018by sitodesign

A partire da Marzo 2018, entrerà in vigore la seconda compliance sul Foreign Supplier Verification Program (FSVP) collegato alla nuova normativa di sicurezza alimentare statunitense chiamata Food Safety Modernization Act (FSMA).

Non avendo l’importatore conoscenze scientifiche dovrà avvalersi di un Qualified Individual il quale può essere anche un consulente esterno residente all’estero, per tale motivo un PCQI formato tramite specifico corso potrebbe diventare il primo consulente dell’importatore.
L’Importatore che dovrà obbligatoriamente attenersi ai requisiti della nuova normativa USA, è colui che per definizione, al momento dell’ingresso in USA del prodotto alimentare, possiede il prodotto, ha acquistato il prodotto od ha espresso per iscritto la volontà di acquistarlo.

L’Importatore potrà quindi essere, una società di importatori, un broker, una “Commerciale” di una azienda Italiana con sede in USA.

L’Importatore identificato avrà la piena responsabilità dello sviluppo di una analisi dei pericoli su ciascun prodotto importato e L’errato rispetto di uno dei requisiti previsti dalla nuova normativa USA, comporterà la sospensione del “Number” dell’importatore, (Numero di registrazione FDA), ed a cascata di tutti i fornitori ad esso collegati. Cambia nettamente quindi la responsabilità dell’Importatore, sottoposto ad un duplice controllo sia dalla FDA che da i propri “Suppliers” (fornitori), i quali vorranno esser certi di affidarsi ad Importatori qualificati. Il regolamento Food Safety Modernization Act (FSMA) della FDA è entrato in vigore a partire dal 16 settembre 2017 per la maggior parte delle aziende italiane ed è stato previsto una deroga di 6
mesi per l’ottemperamento, pena la mancata possibilità di esportare alimenti e bevande negli USA oppure l’obbligo di pagare cifre onerose per la distruzione o il ritiro di alimenti e bevande non conformi alla nuova normativa USA.

La FDA ha creato l’ HARPC (Hazard Analysis and Risk-Based Preventive Controls for Human Food), introdotto dalla normativa americana Food Safety Modernization Act e prevede che le aziende alimentari di trasformazione operino mediante il rispetto di linee guida che includano:

1. Food Safety Plan, ogni stabilimento alimentare deve avere al proprio interno una persona che, grazie ad una specifica formazione e al conseguimento di un particolare diploma rilasciato da un ente riconosciuto, FSPCA , sia in grado di elaborare un piano adeguato della sicurezza alimentare .

2. Identify Hazards, piano d’identificazione di pericoli quali: additivi non approvati, residui di farmaci, tossine e pericoli radiologici;

3. Validation of Preventive Controls, validare i controlli preventivi messi in atto tramite specifici riferimenti scientifici ad essi collegati: pareri di esperti, osservazioni condotte in loco, sotto il controllo e la supervione del PCQI;

4. Record Keeping, registrazioni in grado di documentare il monitoraggio e le verifiche messe in atto sull’intero piano, che consentano di dare una pronta evidenza scritta di quanto è in essere, in caso di Ispezioni ed Audit attuate anche dalla FDA;

5. Continuous Analysis of the Food Safety Plan, aggiornamento del piano effettuato a seguito di modifiche del processo produttivo, o evoluzione del Know How scientifico. HACCP e HARPC definiscono pericoli Biologici, Chimici e Fisici, con la differenza che l’HARPC include tra i Chimici gli Allergeni, i pericoli Radiologici ed i pericoli causati Intenzionalmente.

L’HARPC si applica a tutti i prodotti trasformati, con l’esclusione di:

  • Succhi di frutta (propria normativa HACCP);
  • Bevande alcoliche (Vino, Birra e Super Alcolici, normati da propria normativa);
  • Pesce fresco (propria normativa HACCP);
  • Animali vivi, carne, pollo e uova sotto USDA.

Laboratorio di analisi chimiche e microbiologiche.
Consulenza su sicurezza e ambiente.
Formazione.
Via Enzo Ferrari, 20 – 63900 Fermo

+ 39 0734 628987

info@chemicontrol.it

TENIAMOCI IN CONTATTO

SOCIAL

Utilizza i nostri contatti social per scriverci e vedere le nostre attività

FacebookInstagramLinkedinYouTubeTelegram